Impianti termici, dal 2015 obbligatoria l’etichetta energetica

Dall’Ue il regolamento per scaldacqua, serbatoi e dispositivi solari che integra la Direttiva 2010/30/Ue

11/09/2013 – Risparmiare energia combinando scaldacqua e serbatoi per l’acqua calda con i dispositivi solari adeguati. È l’obiettivo del Regolamento 812/2013 che integra la Direttiva 2010/30/Ue sull’etichettatura dei prodotti indicante il loro consumo energetico.

Il regolamento si applica agli scaldacqua aventi una potenza termica nominale ≤ 70 kW, ai serbatoi per l’acqua calda aventi un volume utile ≤ 500 litri e agli insiemi composti da scaldacqua ≤ 70 kW e dispositivo solare che, come si legge nell’introduzione, sono l’unico abbinamento in grado di ottenere la classe di massima efficienza A +++ .

Nell’introduzione del regolamento si legge inoltre che il consumo di energia elettrica degli scaldacqua e dei serbatoi per l’acqua calda rappresenta una parte considerevole della domanda globale di energia elettrica. Per questo è necessario incentivare i fabbricanti a migliorare l’efficienza energetica di tali prodotti e incoraggiare gli utilizzatori finali ad acquistare modelli efficienti.

Responsabilità dei fornitori

Dal 26 settembre 2015 i fornitori che commercializzano o mettono in servizio scaldacqua, anche sotto forma d’insieme di scaldacqua e dispositivo solare, devono rispettare una serie di adempimenti.

Ogni scaldacqua deve essere munito di un’etichetta stampata contenente, il nome o marchio del fornitore, il modello, la funzione di riscaldamento dell’acqua, compreso il profilo di carico dichiarato espresso mediante la lettera adeguata, la classe di efficienza energetica, il consumo annuo di energia elettrica in kWh e il livello di potenza sonora.

Gli scaldacqua devono essere dotati di una scheda prodotto indicante nome, marchio e modello del fornitore, profilo di carico dichiarato, classe di efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua, efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua in percentuale, consumo annuo di energia in kWh, la presenza di altri profili di carico, le impostazioni di temperatura del termostato, il livello di potenza sonora, eventuali precauzioni specifiche da adottare al momento del montaggio, dell’installazione o della manutenzione. Se il valore smart è uguale a 1, le informazioni relative all’efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua, al consumo annuo di elettricità e di combustibile si riferiscono alle sole impostazioni del controllo intelligente attivato.

Negli scaldacqua solari e a pompa di calore deve essere riportata l’efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua in percentuale in condizioni climatiche più fredde e più calde e il consumo annuo di energia in kWh. Negli scaldacqua solari bisogna inoltre indicare l’area di apertura del collettore, in metri quadri, l’efficienza a perdita zero, il coefficiente del primo e secondo ordine, il modificatore dell’angolo di incidenza, il volume utile in litri, il consumo energetico della pompa, il consumo in stand-by. In quelli a pompa di calore è necessario infine rendere noto il livello di potenza sonora.

Tutte le informazioni sui consumi in condizioni climatiche medie devono essere disponibili nei punti vendita e nel materiale promozionale.

Dal 26 settembre 2015 i fornitori devono assicurare che i serbatoi per l’acqua calda siano dotati di un’etichetta indicante i riferimenti del fornitore, la funzione di serbatoio per l’acqua calda, la classe di efficienza energetica, la dispersione e il volume utile.
Le stesse informazioni devono inoltre essere contenute nelle schede prodotto.

Per quanto riguarda i dispositivi solari, dal 26 settembre 2015 le schede prodotto devono riportare i dati del fornitore, l’area di apertura del collettore, l’efficienza a perdita zero, il coefficiente del primo e secondo ordine, il modificatore dell’angolo di incidenza, il volume utile in litri, il contributo calorifico non solare annuo, il consumo energetico della pompa in W, il consumo in stand-by e il consumo ausiliario di elettricità.

A partire dalla stessa data, negli insiemi di scaldacqua e dispositivi solari l’etichetta deve contenere i dati del fornitore, la funzione di riscaldamento dell’acqua, comprendente il profilo di carico, l’indicazione se un collettore solare e un serbatoio per l’acqua calda possano essere compresi nell’insieme di scaldacqua e dispositivi solari, la classe di efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua .
La scheda prodotto deve riportare il valore dell’efficienza energetica di riscaldamento dell’acqua dello scaldacqua, espressa in percentuale, e il risultato di espressioni di calcolo contenute nell’Allegato 7 in base ai profili di carico M, L, XL o XXL.

Responsabilità dei rivenditori

Nei punti vendita, l’etichetta messa a disposizione dai fornitori deve essere visibile e collocata all’esterno della parte anteriore degli apparecchi. Le informazioni devono inoltre essere riportate nella pubblicità e nel materiale promozionale. (riproduzione riservata)

Fonte: www.edilportale.com